Università della Pizza è un progetto sponsorizzato da Molino Quaglia spa - Arte Innovativa degli Alimenti srl  via Roma 6  Vighizzolo d’Este   P.Iva IT03968430284    Tutti i diritti riservati.

organizzato da
farina ufficiale
2012
info
COMPRA QUI
la tua copia del Manuale di Pizzeria Dinamica®http://www.molinoquaglia.com/Benvenuto/Mail_Manuale_Pizzeria_Dinamica.htmlhttp://www.molinoquaglia.com/Benvenuto/Mail_Manuale_Pizzeria_Dinamica.htmlshapeimage_20_link_0
impara anche tu le tecniche di pizzeria dinamica®
video
immagini
edizioni
2010PizzaUP2010_1.html
2011PU2011_0.html
2009PizzaUP2010_1.html
2008http://www.farinaearte.it/PizzaUp/MQ_Scatti_PizzaUp2/PizzaUp_2/PizzaUp_2.html
2007http://www.farinaearte.it//Laboratorio/PizzaUp1_1.html

L’ ESPERIENZA DELLA PIZZA:

La sesta edizione di PizzaUp è alle porte. Quest’anno ancor più interessante, perchè il dibattito acceso sulla pizza spinge sempre più pizzaioli nella direzione dei consumatori più esigenti, piuttosto che alla ricerca di primati sui palchi delle pizze volanti. (per un primo identikit della cd “pizza gourmet” vedi il sondaggio in corso alla pagina http://molinoquaglia.net/2012/10/31/sai-cose-la-pizza-gourmet/). 

PizzaUp è una palestra di idee, uno stimolo a vivere consapevolmente le esperienze del lavorare quotidiano sugli impasti, sulle lievitazioni, sulle cotture e sulla lavorazione degli ingredienti freschi per trasformare le molteplici esperienze in tecniche di cucina. Le esperienze del pizzaiolo che costruiscono un’esperienza di consumo appagante e coinvolgente per il consumatore: un’esperienza, quest’ultima, che abbina conoscenza e gratificazione sensoriale, piacere della buona tavola e desiderio di ripetere la medesima esperienza.

Il simposio tecnico sulla pizza italiana voleva essere sin dall’inizio ciò che oggi è: un percorso di ricerca e confronto che avvicina la pizza alla grande cucina italiana. Una pizza intesa come sintesi di esperienze che accomunano il pizzaiolo e i suoi clienti attraverso il comune denominatore dell’italianità degli ingredienti e dei gusti che disegnano tratti culturali riconoscibili anche fuori dall’Italia. Una pizza che, come ogni buon piatto, è buona se trasmette a chi la consuma l’identità di chi l’ha pensata e preparata.

Nelle prime 5 edizioni di PizzaUp, e per la prima volta nel mondo della pizza, abbiamo parlato di farine macinate a pietra e tecnica di lievito madre (quello vivo che dà gusto e leggerezza), di ingredienti freschi e di stagione che non si gettano abbondanti e alla rinfusa per coprire paste insipide e prive di struttura, di pulizia del pizzaiolo nel modo di presentarsi e nel modo di lavorare a vista, di un menu con meno pizze e più qualità, di gusto da costruire per non confondere il palato con miscugli senza storia. Nell’edizione di quest’anno apriremo il capitolo nuovo della comunicazione di questi valori utilizzando il gusto come mezzo e la qualità nutrizionale come obiettivo

PizzaUp sarà anche quest’anno un’esperienza di laboratorio che indirizza i pizzaioli verso l’idea comune della qualità, intesa come capacità di saper scegliere gli ingredienti, saperli lavorare, saperli raccontare guidando i consumatori alle origini del piatto e coinvolgendoli in un’esperienza di consumo che va oltre il solo atto del mangiare. 

Dopo 5 anni di esperienze e confronti, quest’anno i pizzaioli e i tecnici di PizzaUp disegneranno le linee di una visione contemporanea della pizza italiana, con il fondamentale contributo di idee di 9 firme prestigiose dell’ eno-gastronomia italiana. 

Nascerà così il Manifesto della Pizza Italiana Contemporanea, che mostrerà il tratto d’unione tra la conoscenza del pizzaiolo e il coinvolgimento sensoriale del consumatore: una porta di accesso semplice, e per tutte le tasche, alla buona cucina italiana. Quella dei piatti sani, gustosi, identificabili per la loro diversità e tutti accomunati da un’idea di qualità che parte dalla spesa per arrivare intatta alla tavola

Con un’occhio alla nazionalità della pizza, che finalmente, e grazie a Petra, sarà italiana al 100%, anche nel grano.

RISERVATI AI PIZZAIOLI CHE PARTECIPANO A PIZZAUP 2012

lunedì 5 novembre 2012

17:00 Federica RACINELLI

Farine, impasti e strutture per la pizza italiana contemporanea

martedì 6 novembre 2012

8:30 Piero Gabrieli

La pizza contemporanea: riflessioni e spunti di marketing per affrontare con successo il nuovo corso della pizza

dalle ore 9:30 alle ore 13:30

Corrado ASSENZA, Simone PADOAN, Federica RACINELLI, Marco VALLETTA (in odine alfabetico)

parte prima: La scelta, la lavorazione e la cottura degli ingredienti dal mercato per la farcitura della pizza

parte seconda: Crea la tua ricetta di pizza destinata ad una clientela gourmet

Alessandro DI GAETANO

Scatta e posta le tue foto. Semplici tecniche di fotografia per non rovinare una buona pizza con una brutta foto.

Pierpaolo PAVAN

Verità e bugie sulla digeribilità della pizza, per dare un’ informazione corretta ai tuoi clienti.

Nicola FRASSON

Introduzione alla cantina ideale di vini e birre per la pizzeria contemporanea

Andrea FORAPANI, Emanuele MARTERA, Roberto STURLESE (in ordine alfabetico)

Come dare identità allo spazio della propria pizzeria

I BREVI SEMINARI DI PIZZERIA DINAMICA (a turno due squadre in cucina e le altre in aula)

Piero GABRIELI

Perchè PizzaUp

RIVEDI AL DIBATTITO DI ANTEPRIMA PIZZAUP 2012 A NAPOLI

Antonio LUCISANO

La mozzarella di bufala campana dop

Umberto DI PORZIO

La pizza verace napoletana

Gino SORBILLO

La pizza verace napoletana

Chiara QUAGLIA

L’ Università della Pizza

Moderatore Luciano Pignataro. Con la partecipazione di Monica Piscitelli (Citta della Scienza - 21 maggio 2012)

-

-

I S C R I V I T I

ai corsi di Università della Pizza®